Andrea della Terza A porta il colore nella libertà riscuotendo alla stessa una forma: Andrea non disegna quello che vede perché vede dentro il creato